Ambiente Diritti Uguaglianza

Lupo:ancora propaganda e niente risposte

La nuova proposta di legge “anti lupo” pare mettere d’accordo tutti, dal leghista Aggravi all’unionista Sapinet, passando per il solito Rollandin, ma è inutile come le altre già presentate.

Una legge che, di fatto, non porta novità concrete, dato che prevede il parere obbligatorio e favorevole dell’Ispra e le procedure della Direttiva Habitat, ma diffonde un clima di allarme verso un animale fondamentale per l’ecosistema.

Una normativa inapplicabile fino a quando non sarà adottato e attuato il piano di gestione del lupo, ma che servirà, secondo gli auspici dei promotori (lupi a due zampe), a distogliere l’attenzione del milieu rural dai veri problemi del settore: burocrazia, clientele, mancanza di programmazione e di tutela dei piccoli e medi produttori.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter